Menu
Carrello 0

Reducetarianismo: corrente di pensiero o scelta di vita?

Sono sempre di più le persone che per scelta decidono di seguire una dieta vegetariana o vegana. Partendo da queste premesse Brian Kateman, ricercatore inglese della Columbia University, a coniare un nuovo termine per coloro che vogliono ridurre la carne: reducetariano. Per prima cosa il ricercatore consiglia, per i primi 30 giorni,  di scegliere un giorno della settimana in cui non mangiare proteine di origine animale e negli altri giorni di evitare di nutrirsi di carne alla sera se la si è mangiata a pranzo (cercare per lo meno di alternarla tra pranzo e cena). Dopo il primo mese, che sarà sicuramente difficile, Kateman sostiene che poi la strada sarà in discesa ed eliminare dal proprio piatto la carne, ma anche alimenti di derivazione animale (uovo, formaggio) non sarà poi così impossibile.
Chi l’ha detto infatti che per nutrirsi si ha bisogno di carne? Kateman è convinto che tutti possono essere in grado di rispettare queste “linee guida” e che sia giusto fare perché ridurre l’assunzione di carne vuol significare anche cercare di combattere lo sfruttamento di animali e promuovere la difesa dell’ambiente.

Ridurre la carne o non farne più uso diventa una scelta etica perché il benessere dell’animale e la tutela dell’ambiente sono importanti. Quest’ultimo fattore coinvolge la sensibilità verso l’ecosostenibilità: secondo Kateman questa scelta di vita contribuisce a ridurre l’impatto dell’alimentazione mondiale sul riscaldamento globale. Sono sempre più in aumento le persone che fanno molta attenzione a questioni legate all’ambiente e soprattutto che si interessano di come gli animali vengono trattati, andando in loro difesa.
Non è impossibile dunque passare da una dieta onnivora a una dieta che si basa su cibi vegetali, che tra l’altro si dimostra essere la più salutare; con una corretta alimentazione si può ugualmente nutrire l’organismo di proteine, vitamine e carboidrati che sono presenti in diversi alimenti, quali legumi, verdura, cereali, frutta e alghe (e perchè no, anche la Spirulina!)

Il termine reducetariano è un movimento che vuole cercare di corrispondere a un modello alimentare sano.


Condividi il post



← Vecchi Post Nuovi Post →